Come affrontare il parto con serenità?

Lavoro e gravidanza: di cosa dovrebbe aver paura la futura mamma?

La maternità è fantastica! E ogni donna lo sa. L'attesa di un bambino è un momento magico in cui è molto importante per la futura mamma provare pace, calma ed essere felice. Nel mondo moderno, la carriera è una delle parole chiave della vita. Pertanto, molte donne incinte continuano a lavorare fino a tardi.

Tuttavia, molto spesso ci sono situazioni in cui la gravidanza comporta il licenziamento. Se guardi da vicino, ci sono una serie di situazioni in cui il licenziamento di una donna incinta è abbastanza realistico, ma se rientri in questo elenco è un'altra domanda. Prima di arrenderti, devi studiare cosa dice la legge al riguardo.

Contenuto dell'articolo

Quando non puoi licenziare una donna incinta?

Una donna incinta può essere licenziata dal suo lavoro?

Ci sono una serie di ragioni che non sono buone ragioni per licenziare una futura madre:

Lavoro e gravidanza: di cosa dovrebbe aver paura la futura mamma?
  • Desiderio irragionevole del datore di lavoro;
  • Incapacità di svolgere mansioni lavorative (ad esempio, se il lavoro include il sollevamento di pesi, che è escluso per le donne in posizione);
  • Se la futura mamma è in libertà vigilata e inizia a mostrare risultati di lavoro insoddisfacenti quando si verifica la gravidanza;
  • Se c'è un altro dipendente con il quale è stato svolto il lavoro part-time a favore di questo dipendente.

Tutto ciò è valido se esiste un documento ufficiale rilasciato dalla clinica prenatale e che conferma la gravidanza della futura madre. Inoltre, anche il datore di lavoro deve essere informato il prima possibile.

Nella maggior parte dei casi, nessuno ha il diritto di licenziare in quel modo, ma rovinare la vita è del tutto possibile. Un datore di lavoro può applicare varie sanzioni (annullamento dei bonus, riduzione dei salari, ecc.) Se ha tutte le prove che il lavoro è diventato inefficace.

Quando può essere licenziata una donna incinta?

Allo stesso tempo, il licenziamento della futura mamma è del tutto possibile se il datore di lavoro può dimostrare che ha causato gravi danni all'azienda. Ad esempio, quando si commettono crimini aziendali. Naturalmente, tutto questo deve essere confermato ufficialmente.

Va ​​notato che la posizione interessante della futura mamma è un argomento pesante per il perdono di molti reati: assenteismo, inadempienza nei doveri, furtoe proprietà - tutto questo è un motivo per le multe, ma non per il licenziamento. Anche la divulgazione di segreti aziendali non è un motivo sufficiente.

Se l'azienda in cui lavora la futura madre ha cessato di esistere, tutti i dipendenti vengono licenziati, indipendentemente dalla loro posizione. Tuttavia, la riduzione pianificata di una ragazza in posizione è semplicemente impossibile.

Se la futura mamma lavora in base al contratto e termina nel prossimo futuro, allora hai tutto il diritto di prorogarlo e nessuno può rifiutarlo. Se rifiuti tu stesso, il licenziamento avverrà su base completamente legale.

Questioni controverse come il cambio di gestione, la riorganizzazione aziendale, ecc. inoltre, non sono una ragione sufficiente per essere disoccupati.

La maggior parte dei datori di lavoro che, per qualche motivo, non vogliono mantenere una donna in una posizione nel loro stato, chiedono di scrivere una lettera di dimissioni di propria spontanea volontà. Se lo scrivi e poi cambi idea, allora è possibile solo un'opzione: avere il tempo di ritirarlo entro due settimane. È vero, in questo caso, se il tuo posto è già stato preso, allora è possibile offrire un trasferimento in un'altra area o in un altro ufficio. Se rifiuti una simile offerta, il licenziamento sarà eseguito legalmente.

Da dove aspettarsi aiuto?

Lavoro e gravidanza: di cosa dovrebbe aver paura la futura mamma?

Tutti i diritti delle donne lavoratrici incinte sono protetti dall'ispettorato federale del lavoro. In caso di conflitto e situazioni controverse, puoi contattare questa organizzazione. Verrà effettuato un controllo dettagliato del datore di lavoro, dell'azienda, della legalità delle loro azioni in generale e nei tuoi confronti. Inoltre, è anche possibile ricorrere all'ufficio del pubblico ministero o al tribunale distrettuale. In ogni caso, è necessario disporre di prove di una violazione della legge (questo è particolarmente importante per il tribunale): testimoni, documenti, ecc.

Puoi presentare una petizione per esaminare la legalità delle azioni mentre lavori in azienda e se sei già stato licenziato. In ogni caso, una richiesta di revisione della legittimità di un'azione deve essere presentata entro tre mesi dal momento in cui tali azioni sono state commesse.

L'Ispettorato del lavoro può emettere un ordine per reintegrare un dipendente licenziato e pagare un risarcimento morale. Inoltre, il datore di lavoro stesso potrebbe essere multato o addirittura sospeso dal lavoro, a seconda della gravità delle violazioni riscontrate durante la verifica.

Punti importanti

Anche se una donna incinta viene licenziata legalmente, un avvertimento in merito deve essere ricevuto almeno due mesi prima.

Per tutto questo tempo, la futura mamma dovrebbe ricevere almeno lo stipendio medio dell'ultimo anno.

Se lavori in una posizione che implica condizioni di lavoro difficili, devi richiedere un allentamento di queste condizioni. Il datore di lavoro sarà obbligato a trovare una posizione più facile con la stessa retribuzione o essere completamente liberato dal lavoro alle stesse condizioni.

Ciò che segue da questot?

Riassumiamo. Se stai lavorando e scopri all'improvviso che presto avrai un figlio, non c'è bisogno di farsi prendere dal panico. Per mantenere il tuo lavoro, prima di tutto, devi informare il tuo datore di lavoro della tua situazione interessante e supportarlo con un certificato ricevuto dalla clinica prenatale.

Lavoro e gravidanza: di cosa dovrebbe aver paura la futura mamma?

Se la direzione cerca di licenziare la futura mamma senza una buona ragione, la cosa migliore che puoi fare è non fornire queste ragioni e chiedere aiuto alle forze dell'ordine competenti, che verificheranno la legalità delle azioni del tuo datore di lavoro. Nella maggior parte dei casi, la legge rimarrà dalla tua parte.

Tuttavia, vale la pena considerare se desideri continuare a lavorare dove sarà la relazione già complicata.

Anche se, durante il congedo di maternità, molto può cambiare, dal sistema generale dell'azienda ai dirigenti.

Pertanto, la decisione di rimanere in azienda o di smettere dipende interamente da te.

Toxoplasmosi in gravidanza: come prevenirla?

Messaggio precedente Come sbiancare una camicia bianca utilizzando gli strumenti disponibili?
Post successivo In che modo il sanatorio è utile per le donne incinte?