Lupus eritematoso sistemico, come si diagnostica?

Cos'è il lupus eritematoso

Il lupus è una malattia pericolosa e molto spiacevole che si manifesta molto spesso nelle regioni con clima umido. La maggior parte dei pazienti sono donne di età compresa tra 20 e 40 anni. La medicina ufficiale non può ancora nominare le cause esatte della malattia, ma esiste un'origine virale della patologia. Il lupus non viene trasmesso da persona a persona.

Contenuto dell'articolo

Moduli malattie

Cos'è il lupus eritematoso

I fattori che provocano la malattia sono: infezione da streptococchi, ipotermia regolare, autoallergie. È possibile che l'insolazione (esposizione prolungata al sole aperto) e alcuni farmaci agiscano come una sorta di catalizzatori.

La malattia è diffusa, quindi colpisce principalmente i tessuti molli connettivi. Esistono due forme principali di patologia, che differiscono per gravità e intensità dei sintomi, metodi di trattamento, prognosi e quadro clinico generale.

Il lupus eritematoso sistemico, che colpisce gli organi interni, è più comune del tegumento (solo cutaneo). Le forme Kaposi-Irganga e Bietta sono molto rare. Le donne in età fertile sono a rischio, ma la genetica gioca un ruolo importante.

Ad esempio, se i genitori del bambino avevano un problema del genere, quindi sotto l'influenza dei fattori di cui sopra, il bambino potrebbe sviluppare una malattia cronica. Questa forma richiede cure e trattamenti adeguati, specialmente durante una riacutizzazione, e la terapia può essere molto prolungata.

Il lupus eritematoso discoide, o cronico, a prima vista sembra essere una malattia innocua. Il sintomo principale sono le macchie rossastre sulla pelle. All'inizio non causano disagio e non provocano prurito, quindi i pazienti consultano raramente un medico in questa fase della malattia.

Quindi i punti si fondono l'uno con l'altro e aumentano di dimensioni. Non possono essere completamente eliminati nemmeno con l'aiuto della chirurgia estetica, ma questa forma non rappresenta un pericolo per gli organi interni.

Modalità di trasmissione e diffusione del lupus eritematoso

L'eritema escudativo (farfalla) è il sintomo più comune e noto. L'eruzione cutanea sembra poco attraente e spaventosa, ma il contatto con persone malate non è pericoloso. Poiché la malattia è di origine virale, non puoi aver paura dell'infezione in altri modi. Non trasmesso dasenza toccare.

Negli ambienti scientifici, c'è ancora un dibattito tra gli immunologi sul fatto che il lupus eritematoso discoide e sistemico sia contagioso o meno, ma vale la pena notare che non ci sono stati casi confermati di trasmissione della malattia. Quindi non c'è motivo di limitare il contatto con i malati. Ma poiché le ragioni esatte per lo sviluppo della patologia non sono state ancora chiarite, ha senso mostrare prudenza.

Sintomi

I segni principali e secondari differiscono a seconda dello stadio della malattia, della sua forma. Le manifestazioni esterne fanno parte del quadro generale.

I fattori che provocano lo sviluppo della malattia, nella maggioranza, determinano l'intensità e la gravità dei sintomi. Tuttavia, è stato confermato che l'eruzione cutanea è luminosa e acuta dopo il parto, l'aborto e l'eccessiva esposizione al sole.

I sintomi principali sono atrofia, eritema e ipercheratosi. Le infiltrazioni e le varie pigmentazioni sono secondarie.

La malattia ha diversi stadi di sviluppo, ognuno dei quali presenta sintomi diversi:

  • Nella fase iniziale compaiono eruzioni cutanee e macchie che non causano disagi, sebbene si uniscano e crescano rapidamente;
  • La successiva - la fase infiltrativa, segue la prima ed è caratterizzata dalla sindrome del dolore, che si intensifica quando si cerca di rimuovere le squame secche. La placca che si è formata dopo che le macchie si sono sciolte è ricoperta di pelle morta di colore grigio sporco;
  • L'atrofia è la fase finale. La pigmentazione si verifica ai bordi delle macchie e le lesioni stesse diventano lisce e bianche.

Spesso, l'eruzione cutanea sembra una farfalla, che è già stata menzionata sopra, ed è accompagnata da lesioni su orecchie, collo, spalle e petto. Le labbra e la pelle sotto i capelli potrebbero risentirne. La cavità orale è raramente colpita.

I sintomi sono più comuni in primavera e in estate. Il disagio causato dalle macchie non può essere completamente eliminato.

Per quanto riguarda la forma di dosaggio, i suoi segni non differiscono dagli altri. Studi clinici e di laboratorio suggeriscono che assolutamente tutte le forme di malattia sono causate dalle stesse cause e fattori.

La diagnosi iniziale è un po 'difficile, poiché esistono somiglianze con dermatiti e psoriasi, quindi vengono eseguite analisi più approfondite.

Lupus eritematoso: decorso della malattia, sintomi generali e trattamento

I segni generali di danno sono simili alla maggior parte delle patologie. Un aumento della gravità dei sintomi indica una transizione a uno stadio più grave. Innanzitutto, c'è una debolezza generale, a volte la temperatura aumenta, la persona perde drasticamente peso. Quindi compaiono dolori, dolori muscolari e articolari, spasmi.

Cos'è il lupus eritematoso

Il lupus tubercolare è caratterizzato dalla comparsa di lupus sul viso: protuberanze e cicatrici che possono fondersi tra loro. L'eruzione cutanea è accompagnata da un aumento dei linfonodi, quindi è molto più facile diagnosticare questa forma.

Tutti i sintomi della patologia sono esacerbati dall'esposizione prolungata al sole apertoe raggi. Se non interrompi l'esposizione al sole, posso diradare e cadere i capelli. Si osservano cambiamenti nel pericardio, c'è pesantezza al petto, a volte è difficile respirare.

Il lupus subacuto è caratterizzato da molteplici lesioni della pelle e degli organi interni.

Il lupus può anche influenzare il sistema nervoso centrale. In questo caso si verificano crampi, intorpidimento degli arti, disturbi nervosi e cambiamenti mentali.

La patologia rappresenta una grave minaccia per i reni. La loro lesione può essere rilevata solo dopo l'esame di laboratorio delle urine.

Quando il rivestimento del cervello si infiamma, si osservano cambiamenti mentali. La persona sperimenta costanti mal di testa, stanchezza e debolezza. In questo contesto, si verifica la depressione.

Anche l'aspetto dei pazienti cambia nel tempo, poiché la composizione del sangue cambia, il numero di leucociti e il livello di emoglobina diminuiscono. La pelle pallida è provocata dall'anemia.

Lupus eritematoso durante la gravidanza

Quando viene colpito da una malattia, il corpo produce anticorpi antifosfolipidi, che possono provocare un aborto spontaneo in qualsiasi fase della gravidanza. Se una donna è malata, i medici raccomandano di tenere il bambino solo quando non ci sono danni ai reni e al sistema cardiovascolare.

In altri casi, si consiglia di interrompere il processo. Tuttavia, le statistiche dicono che il rischio di aborti spontanei, parto prematuro e morte fetale si verifica solo in ¼ di donne.

Quando si pianifica una gravidanza, sorgono difficoltà associate al decorso continuo e cronico della malattia. È meglio concepire un bambino durante un periodo di decorso calmo della malattia. La costante supervisione dei medici e misure globali consentono di eliminare quasi completamente i rischi.

Particolare attenzione è riservata ai marker immunologici, alla pressione sanguigna e alla composizione. Vale la pena notare che alcuni farmaci usati per trattare il lupus possono influenzare negativamente il bambino, come l'aspirina e i corticosteroidi.

Il lupus eritematoso sistemico nei bambini può manifestarsi in tenera età. Ciò è particolarmente vero per quei bambini i cui genitori hanno un tale problema. Va notato che una predisposizione genetica alla malattia si nota in un piccolo numero di bambini, ma lo sviluppo della malattia dipende dalla combinazione di un intero insieme di circostanze.

Diagnostica e trattamento

Cos'è il lupus eritematoso

Prima di tutto, devi contattare un immunologo. La diagnosi primaria può essere fatta sulla base di: eruzioni su viso, orecchie, collo, sotto i capelli; ulcere della bocca; convulsioni; problemi ai reni. È obbligatorio un esame emocromocitometrico completo.

Il trattamento consiste nel prolungare il periodo di remissione. Per questo vengono utilizzati glucocorticoidi e una serie di procedure, ma la malattia non può essere completamente curata. Gli agenti ormonali vengono assunti costantemente a dosi minime. Nei casi più gravi è indicata la plasmaferesi.

Il paziente deve assumere costantemente i farmaci prescritti dal medico nelle dosi prescritte, utilizzare corticosteroidiunguenti, evitare l'ipotermia e il surriscaldamento, abbreviare il tempo trascorso al sole, visitare periodicamente un reumatologo e un dermatologo e assumere farmaci per la profilassi durante possibili riacutizzazioni.

È necessario visitare uno specialista anche con piccoli cambiamenti di stato. I sintomi emergenti possono indicare un'esacerbazione, che può essere prevenuta con una prevenzione tempestiva.

Lupus: come riconoscere la malattia nelle fasi precoci e perché è importante agire subito

Messaggio precedente Tipi e caratteristiche dei tessuti per biancheria da letto
Post successivo Che cibo offre McDonald's? Devo lasciarmi trasportare da questo cibo dannoso ma gustoso?