Milza infiammata: sintomi e trattamento

Quali sono le cause dell'infiammazione della milza?

La milza è un organo umano multifunzionale, ma poco studiato. Possiamo dire che si sa molto poco a riguardo, mentre sono numerose le patologie che portano alla sua rimozione. Ma la persona continua a vivere normalmente dopo, praticamente senza cambiare abitudini. Cioè, la milza non è così importante per la vita umana.

È stato scientificamente confermato che dopo la rimozione di questo organo, i processi che si verificano in esso continuano a procedere nel corpo. Risulta che alcune delle funzioni di questo corpo sono assunte da altri.

Contenuto dell'articolo

La struttura della milza

Quali sono le cause dell'infiammazione della milza?

Questo corpo non è accoppiato. Sembra una formazione simile a un fagiolo. È localizzato sul lato sinistro della cavità addominale, dietro lo stomaco. La milza è relativamente piccola, il suo peso varia da 200-250 grammi. Si noti che più una persona è anziana, meno ce l'ha. Un organo sano non è palpabile, cioè è impossibile sentirlo.

Per la salute della milza, è responsabile il suo strato esterno, che svolge una funzione protettiva e protegge dalle influenze negative. È costituito da tessuto connettivo ruvido e denso. All'interno è costituito da tessuti ghiandolari, molto più sottili e delicati dello strato esterno.

Il compito principale della milza è la formazione del sangue. Possiamo dire che appartiene al sistema ematopoietico. Inoltre, l'aumento della formazione del sangue da parte della milza si verifica solo con una perdita di sangue significativa e acuta. Questo processo è dovuto alla presenza di una grande quantità di globuli rossi (globuli rossi) nell'organo stesso.

Quali sono le cause dell'infiammazione della milza?

Funge anche da filtro, purificando il sangue da tossine e corpi estranei. La milza produce cellule che impediscono la penetrazione di vari batteri e virus nel corpo, cioè prende parte alla lotta contro questi ultimi. Pertanto, l'infiammazione della milza influisce negativamente sul corpo, sebbene quest'ultimo possa funzionare in modo compensatorio, distribuendo le sue responsabilità ad altri sistemi.

In qualche modo, controlla la circolazione del sangue nei vasi.

Quando questa funzione è compromessa, si verificano sintomi piuttosto spiacevoli, come alitosi, gengive sanguinanti e sanguinamento interno.

Sintomi, cause e trattamento dell'infiammazione della milza

Le malattie associate al processo infiammatorio nella milza sono chiamate splenite e lienite. Va notato che patologie di questo tipo nella stragrande maggioranza dei casi procedono contemporaneamente all'infiammazione della sua membrana e degli organi addominali.

Quali sono le cause dell'infiammazione della milza?

L'infiammazione della milza, come malattia indipendente, non è stata registrata in medicina. Di solito questa condizione è una sorta di complicanza dei processi infiammatori a carico dell'intestino o del fegato e si verifica anche in patologie gravi come brucellosi, tubercolosi, ecc.

Se l'infiammazione è locale, di regola non ci sono sintomi, fenomeni spiacevoli e disagio, cioè la patologia è asintomatica.

Cioè, una persona si sente quasi come al solito. Inoltre, una tale patologia può essere rilevata solo dopo test di laboratorio.

I segni di infiammazione della cavità addominale e della milza sono più pronunciati e includono le seguenti condizioni:

  1. Dolore addominale acuto;
  2. Nausea al vomito;
  3. La temperatura corporea aumenta, ma varia da 37,3 a 37,8 ° C;
  4. La milza aumenta di dimensioni, quindi può essere facilmente percepita alla palpazione.
Quali sono le cause dell'infiammazione della milza?

Il quadro clinico in questo caso è abbastanza simile alla malattia dell'appendicite. Se le ragioni di
sono nascoste nelle patologie epatiche, contemporaneamente ai sintomi sopra elencati, c'è dolore nell'ipocondrio destro e pesantezza nella parte destra. La sindrome del dolore colpisce spesso l'intera cavità addominale.

In quest'ultimo caso, il disagio è piuttosto forte, è difficile da sopportare, compaiono i seguenti segni di patologia: il vomito praticamente non si ferma, la temperatura corporea aumenta in modo significativo, l'appetito diminuisce o è completamente assente.

Quando si esegue un esame del sangue, si è riscontrato che la sua composizione chimica si discosta in modo significativo dalla norma stabilita. Spesso, tali processi infiammatori sono accompagnati da ingiallimento della pelle, prurito e scabbia.

I risultati di un esame ecografico vengono utilizzati per diagnosticare il processo infiammatorio e fare una diagnosi accurata.

Le cause dell'improvvisa infiammazione della milza possono essere nascoste in un ascesso, una raccolta di pus che si verifica nelle seguenti situazioni:

Quali sono le cause dell'infiammazione della milza?
  1. Complicazioni del decorso di varie patologie infettive, ad esempio tifo, malaria, ecc .;
  2. Infiammazione della mucosa interna dell'organo;
  3. Lesioni. I coaguli di sangue a seguito di danni meccanici possono successivamente peggiorare.

Un ascesso è singolo, cioè puntuale e multiplo, quando ci sono parecchi focolai di suppurazione. Quest'ultimo può variare in modo significativo nelle dimensioni, dalla punta di uno spillo a molto più grandi.

È semplicemente necessario curare tali malattie, nonostante il fatto che la milza non sia un organo vitale.

I sintomi di un ascesso purulento includono le seguenti condizioni:

  • forte dolore acuto, localizzato nell'ipocondrio sinistro;
  • brividi;
  • aumento della temperatura a 40 ° C;
  • battito cardiaco più veloce.

Quando si moltiplicafocolai grandi e grandi, l'organo aumenta in modo significativo, in modo che il dolore possa essere osservato nella parte sinistra del torace. Inoltre, sono spesso presenti sintomi come mancanza di respiro e tosse e i muscoli addominali sono molto tesi.

Come dovrebbe essere trattata l'infiammazione della milza?

Qualsiasi processo infiammatorio nel corpo richiede l'uso di antibiotici e la patologia di questo organo non fa eccezione.

Anche se i focolai dell'infiammazione sono piuttosto piccoli o addirittura isolati, il trattamento viene effettuato insieme a farmaci antibatterici e antivirali per prevenire la diffusione dell'infezione. Inoltre, il paziente deve rispettare il riposo a letto e anche dargli pace. Se le lesioni sono troppo grandi, è necessario ricorrere all'intervento chirurgico e rimuovere completamente l'organo.

Ti auguro salute e benessere!

Questi 7 sintomi possono indicare che il tuo fegato è pieno di tossine

Messaggio precedente Olio di visone: composizione, proprietà utili, applicazione e controindicazioni
Post successivo Come curare una persona dall'alcolismo a sua insaputa?