Taglio cesareo: riabilitazione ed esercizi

Recupero dopo un taglio cesareo

Per qualsiasi motivo una donna debba partorire un bambino con un taglio cesareo, la felicità della maternità difficilmente può essere oscurata da qualcosa. Al momento della dimissione, una giovane madre riceverà raccomandazioni per prendersi cura di un bambino quasi identiche a quelle date alle donne che hanno partorito naturalmente. Alcune differenze saranno nel modo in cui recuperare da un intervento chirurgico.

Contenuto dell'articolo

Il funzionamento è normale e le complicazioni

Recupero dopo un taglio cesareo

Durante un taglio cesareo, eseguito in anestesia generale o anestesia epidurale, la parete addominale anteriore viene aperta a strati e viene praticata un'incisione nell'utero, attraverso la quale il bambino viene accuratamente rimosso alla luce, e quindi la placenta.

Dopo che la ferita è stata suturata, viene applicata una sutura riassorbibile o non assorbibile sulla pelle addominale, a volte graffette metalliche, a seconda della situazione e della scelta del medico.

Durante e dopo l'operazione, possono comparire complicazioni: aumento della perdita di sangue, comparsa di aderenze nell'intestino e altri organi interni di una donna, infiammazione dell'utero (endomiometrite), contrazione uterina ridotta dopo il parto. In caso di queste o altre complicazioni, il recupero dopo un taglio cesareo sarà più lungo; sarà necessario un farmaco, prescritto dal medico individualmente.

Recupero postoperatorio

Se parliamo del caso generale in cui non ci sono complicazioni gravi, nei primi giorni la donna in travaglio si trova nel reparto di terapia intensiva sotto la stretta supervisione di infermieri e anestesista.

Già dai primi giorni, un'attenzione speciale aiuta una donna a riprendersi: la perdita di sangue viene corretta, viene avviata la terapia antibatterica per prevenire complicazioni infettive e la digestione viene attivata stimolando l'intestino.

Alla mamma non è permesso mangiare per il primo giorno, è consentita solo acqua con succo di limone.

Il secondo giorno, puoi coccolare tua madre durante il parto con cautela e in piccole quantità:

  • brodo di pollo;
  • carne bollita, intrecciata al frullatore o tritacarne;
  • ricotta a basso contenuto di grassi;
  • bevanda alla frutta senza zucchero;
  • yogurt senza additivi di frutta.

Di norma, già il 4-5 ° giorno dopo che si è verificato il primo presidente indipendente, puoi tornarealla dieta abituale, senza dimenticare, però, la dieta per le madri che allattano.

Sia per le madri che hanno partorito naturalmente, sia per le donne durante il parto dopo un taglio cesareo, sono necessarie restrizioni nutrizionali in modo che il bambino non abbia problemi di pancia e allergie.

Attività della madre nei giorni postoperatori

Già il secondo giorno, una madre felice, di regola, può essere trasferita al reparto postpartum. Qui inizia a condurre uno stile di vita molto attivo.

Recupero dopo un taglio cesareo

È importante alzarsi regolarmente, camminare e, soprattutto, nutrire il neonato. Sarà possibile sedersi 2-4 giorni dopo la nascita del bambino.

Le condizioni dell'addome dopo l'intervento chirurgico sono costantemente monitorate da infermieri e medici.

La prima volta dopo il taglio cesareo, la cucitura viene trattata con agenti antisettici (verde brillante, ad esempio), la benda viene sostituita.

Se durante l'operazione è stato utilizzato un materiale di sutura riassorbibile, non sarà necessario rimuoverlo. I thread scompariranno entro 2–2,5 mesi dalla data di consegna.

Una cicatrice sulla pelle si forma approssimativamente il settimo giorno dopo il taglio cesareo. Dopo 7 giorni potrai fare la doccia in tutta tranquillità.

Basta non strofinare la pelle dell'addome con un asciugamano, è meglio aspettare un'altra settimana o due, quando il recupero dopo un taglio cesareo è quasi completo. Il medico ti permetterà di lasciare l'ospedale il 7-10 ° giorno dopo il parto operatorio, se non ci sono state complicazioni gravi che richiedono un trattamento più lungo.

Stabilire l'allattamento dopo un taglio cesareo

Durante il parto naturale, il latte nel corpo della madre arriva il 3-4 ° giorno e dopo l'intervento chirurgico il 4 ° -6 ° giorno. Se una donna inizia il parto da sola, produce alcuni ormoni, che, tra le altre cose, sono responsabili della produzione di latte materno.

Dopo un'operazione pianificata, quando il travaglio non è ancora iniziato da solo, l'ormone responsabile dell'allattamento entra nel flusso sanguigno con un certo ritardo, dopo il parto. Di norma, questa situazione non influisce in alcun modo sulle condizioni e sul peso del bambino, poiché il bambino viene nutrito con formule adattate che sostituiscono il latte materno.

Gentile a casa

Molte donne che hanno partorito tramite un taglio cesareo sono preoccupate per quando possono riprendere attivamente il ripristino della loro figura, fare esercizi per l'addome e, infine, tornare alla vita normale.

Spesso le giovani madri si chiedono se sia possibile praticare sport dopo l'intervento chirurgico, sollevare borse, condurre una vita sessuale attiva. La risposta è ambigua.

Ci sono raccomandazioni generali per ripristinare il peso e la forma, normalizzare l'attività fisica complessiva, ma ogni volta una donna dovrebbe affrontare individualmente il problema, prendendosi cura del proprio corpo e rifiutandosi di fare imprese.

ObaSpesso i medici vietano ai loro pazienti di sollevare più di due chilogrammi per 2 mesi dopo operazioni complesse. Ma in pratica, la madre deve prendersi cura del neonato, quindi tali raccomandazioni sarebbero ridicole.

Pertanto, i chirurghi consigliano alle madri di non sollevare oggetti più pesanti del loro bambino circa 2-3 mesi dopo il parto.

Dopo un parto naturale, le donne, di regola, possono regolare con attenzione la loro figura quasi dai primi giorni dopo la nascita di un bambino. Per i pazienti che hanno subito un taglio cesareo, l'immagine è leggermente diversa: potranno iniziare a lavorare sugli addominali addominali solo un mese dopo il compleanno del bambino.

L'attività in termini di vita sessuale può essere ripresa in 1,5-2 mesi dopo l'intervento. In questo caso, la raccomandazione è la stessa per tutte le madri. Il fatto è che l'utero dopo il parto nel sito di attacco delle membrane e della placenta è una superficie della ferita abbastanza significativa.

Per evitare che l'infezione penetri nella ferita, la mucosa deve guarire completamente e la secrezione e la lochia devono interrompersi. Questo di solito si verifica 6-8 settimane dopo l'intervento chirurgico. Dopodiché, puoi riprendere l'attività sessuale senza dimenticare la contraccezione.

I muscoli addominali devono abituarsi alla ferita ricevuta, imparare a lavorare di nuovo in modo indipendente, quindi non è consigliabile abusare della benda di sostegno.

Gravidanza e parto successivi

Recupero dopo un taglio cesareo

Come risultato di un taglio cesareo, una cicatrice rimane sull'utero per tutta la vita.

Dovrebbe essere chiaro che può avere un effetto negativo sul corso della prossima gravidanza, quindi devi prenderti cura della tua salute e condurre la gravidanza sotto la vigile supervisione di una dottoressa.

Come risultato della ricerca, è stato dimostrato che in termini di condizioni della cicatrice, è ottimale concepire il bambino successivo 2-3 anni dopo l'intervento.

A questo punto, il corpo è già in grado di riprendersi dalla gravidanza precedente. È meglio non pianificare la nascita di un fratello o una sorella prima. Non c'è consenso sul fatto che una donna con una cicatrice sull'utero possa dare alla luce i figli successivi in ​​modo naturale senza rischi significativi per la sua salute e per la vita del bambino.

Di per sé, una cicatrice è già un'indicazione per un taglio cesareo, il restauro del corpo non può essere completo come vorrebbe una donna. Ma ci sono eccezioni a qualsiasi regola. Se una donna è determinata a partorire da sola, in generale, ha un'ottima salute e non ci sono altre indicazioni per un intervento chirurgico, su base individuale il medico può dare il via libera per un parto naturale.

In questo caso, la condizione della cicatrice viene valutata utilizzando gli ultrasuoni e il processo del parto stesso viene monitorato con maggiore attenzione da parte di ostetrici e medici.

Il recupero dopo un taglio cesareo è un processo a lungo termine, che deve essere affrontato con tutta la responsabilità per preservare la salute delle madriS. In questo momento, la donna avrà bisogno delle cure e dell'aiuto dei propri cari, perché ora tutta la sua attenzione è rivolta al bambino.

Come riprendersi da un parto cesareo e come curare la cicatrice?

Messaggio precedente Sfumature legali: quante persone possono essere registrate nell'appartamento
Post successivo Benefici dell'estere arancione per i tuoi ricci e il cuoio capelluto