Il monitoraggio in gravidanza: cos'è

Devo fare CTG durante la gravidanza?

Uno degli studi più importanti durante la gravidanza è la cardiotocografia (CTG), che consente di valutare le condizioni del feto e tracciare le dinamiche del suo sviluppo. Quando verrà prescritta questa procedura e quali potrebbero essere i suoi risultati, lo diremo nel nostro articolo oggi.

Contenuto dell'articolo

Cosa è CTG

Devo fare CTG durante la gravidanza?

La cardiotocografia è un tipo di visita medica che deve essere eseguita durante la gravidanza per valutare gli indicatori di sviluppo del nascituro. La procedura prevede il monitoraggio delle contrazioni dell'utero della madre e la misurazione della frequenza cardiaca del bambino.

In termini di importanza, questo studio appartiene alla stessa categoria della premisurazione e degli ultrasuoni. Il CTG tempestivo durante la gravidanza consente di identificare deviazioni nelle future briciole e trovare modi per risolvere probabili problemi con la sua salute.

Di norma, i tempi del primo CTG coincidono con la 30a settimana di gravidanza, ma se la gravidanza procede con complicazioni, il medico può inviare un rinvio in una data precedente. Nel normale corso della gravidanza, lo studio viene eseguito 2 volte, ma se ci sono complicazioni, la quantità di CTG è determinata dal medico.

La cardiotocografia può essere eseguita anche durante il parto. In particolare, il CTG durante la gravidanza viene eseguito quando il bambino ha un intreccio del cordone ombelicale e richiede un monitoraggio costante delle sue condizioni durante il processo di nascita.

Come sta andando il KGT

Una delle proprietà di questa procedura è la sua assoluta sicurezza sia per il bambino che per la futura mamma. Prima di iniziare la procedura, il medico spiega esattamente come viene eseguito il CTG durante la gravidanza.

Lo studio prevede il collegamento di diversi sensori alla pancia della donna incinta, che consentono di ottenere gli indicatori necessari. La procedura viene eseguita in posizione sdraiata o reclinata.

L'apparato KGT è costituito da:

  • Sensore a ultrasuoni, che consente di registrare il battito cardiaco della mollica;
  • Un sensore di pressione che misura la frequenza delle contrazioni uterine.

I dati ricevuti si riflettono sotto forma di grafici e registrati su carta. La procedura richiede solitamente da 30 minuti a un'ora e dovrebbe coincidere con la fase dell'attività fetale.

A chi è prescritto l'esame

Ci sono casi in cui i medici durante il normale corso della gravidanza potrebbero non prescrivere KGT, ma questo studio non può essere eliminato se la futura mamma ha le seguenti indicazioni:

  • C'è una diminuzione dell'attività fetale;
  • Il bambino è avvolto con un cordone ombelicale, come evidenziato dai risultati degli ultrasuoni;
  • Sono stati identificati indicatori patologici della placenta, che sono anche mostrati dagli ultrasuoni;
  • Volume del liquido amniotico aumentato o diminuito;
  • Esiste una minaccia di parto prematuro;
  • Ci sono cicatrici sull'utero;
  • La futura mamma è malata di diabete mellito o soffre di ipertensione.

Inoltre, se la donna incinta sta camminando e il termine per la nascita del bambino è già arrivato, il CTG viene eseguito senza fallo.

Preparazione per la procedura

Prima di andare al CTG, una donna deve dormire bene, staccarsi mentalmente dalle preoccupazioni quotidiane e fare un pasto abbondante. I medici raccomandano di fare uno spuntino al cioccolato prima del CTG in modo che il bambino entri nella fase di veglia. Dato che lo studio richiede molto tempo, devi prima visitare il bagno per non provare disagio durante il CTG.

Cosa indicano i risultati CTG

Devo fare CTG durante la gravidanza?

Poiché i risultati dello studio sono grafici peculiari con curve di diversa lunghezza, la loro decodifica è una questione abbastanza responsabile e richiede la partecipazione di un professionista.

Ma alcune future mamme, dopo aver ricevuto i risultati dello studio, sono ansiose di scoprire cosa mostra il CTG durante la gravidanza e se tutto è in ordine con il loro futuro bambino. Pertanto, prenderemo in considerazione i principali indicatori che possono essere letti sui risultati del sondaggio.

Per provare a decodificare la cardiotocografia da solo, è necessario valutare i fattori principali:

  • Ritmo basale;
  • La frequenza delle deviazioni dal ritmo basale;
  • Ampiezza;
  • Dinamica dei cambiamenti nella frequenza cardiaca.

In questo caso, ogni indicatore viene valutato su una scala da 0 a 2 punti, di conseguenza, i punti per tutti gli indicatori vengono sommati e danno il risultato finale.

Pertanto, la decodifica del CTG del feto durante la gravidanza può indicare quanto segue:

  • Da 8 a 10 punti - considerato un indicatore della norma;
  • Da 6 a 7 punti - richiede un esame più dettagliato. Indica la presenza di possibili deviazioni;
  • 5 punti o meno: il CTG è scarso, la donna incinta è a rischio e necessita di ricovero urgente.

Indicatori della frequenza cardiaca

La frequenza cardiaca del bambino dovrebbe essere compresa tra 110 e 160 battiti al minuto. Il grafico è un'alternanza di valori alti e bassi. Ma la valutazione del medico si basa sul calcolo della media, che determina il ritmo basale.

Inoltre, il criterio di valutazione è la variabilità della frequenza cardiacascheny baby. Le deviazioni sul grafico rappresentano più denti di tipo piccolo, di cui non dovrebbero esserci più di 6 pezzi entro un minuto. Questo è un indicatore normativo per periodi da 32 a 39 settimane di gravidanza. Se ce ne sono più di loro, allora possiamo parlare di uno scarso risultato CTG durante la gravidanza.

Tuttavia, contando solo il numero di piccoli denti, non vale la pena trarre conclusioni affrettate, perché è necessario valutare l'ampiezza disponibile delle deviazioni. Viene determinato in base al calcolo delle variazioni dell'altezza media dei denti e corrisponde al valore standard da 11 a 25 battiti al minuto.

Un indicatore negativo è la presenza di una variazione dell'altezza dei denti tra 0 e 10 battiti al minuto. Ma questo indicatore può essere considerato soddisfacente se il bambino è in uno stato di sonno o se l'età gestazionale non supera le 28 settimane.

Se questo indicatore supera il valore di 25 battiti al minuto, sussiste il rischio di impigliamento con il cordone ombelicale del bambino o la presenza di ipossia nel feto.

Ma non dovresti trarre conclusioni finali da solo e decidere che il tuo CTG durante la gravidanza ha cattivi risultati.

Devo fare CTG durante la gravidanza?

È imperativo fare affidamento sull'opinione di uno specialista, poiché i risultati dello studio devono essere interpretati in modo completo e devono essere presi in considerazione i seguenti fattori:

  • Possibile influenza dell'ambiente geomagnetico;
  • L'umore della futura mamma durante il periodo di studio;
  • Se lo studio ha coinciso con la fase di veglia del bambino o ha influenzato solo la fase del sonno.

Quindi, possiamo concludere che il metodo della cardiotocografia è molto utile per le donne in gravidanza per determinare lo stato attuale del bambino e identificare possibili complicazioni. Ciò consente di adottare misure tempestive per eliminare i rischi per la madre e il bambino, soprattutto perché la procedura di esame è completamente indolore e non ha un impatto negativo sul futuro bambino.

Pertanto, se il medico ti propone di sottoporsi alla procedura e spiega perché il CTG viene eseguito a molte donne incinte, non dovresti rifiutare, perché è necessario per la salute del tuo futuro bambino.

Salute a te e al tuo bambino!
https://youtu.be/jVbDzWy0X94

Lettura della CTG antepartum

Messaggio precedente Cucina le zuppe in un multicooker: risparmia tempo
Post successivo Birra calda per il raffreddore: un modo insolito per sbarazzarsi della malattia