Epatite b epatice C in gravidanza

Conseguenze dell'epatite C durante la gravidanza

Molte donne sono portatrici di epatite C e non sono consapevoli della loro condizione. Spesso lo scoprono quando fanno i test durante la registrazione presso una clinica prenatale in relazione alla gravidanza.

Contenuto dell'articolo

Epatite C e gravidanza

Conseguenze dell'epatite C durante la gravidanza

La malattia non è una controindicazione al concepimento, ma l'epatite cronica mette in discussione la conservazione della gravidanza.

Se infettato, è possibile sconfiggere la malattia con l'aiuto di farmaci entro sei mesi. Se durante questo periodo il virus non ha lasciato il corpo, significa che la malattia è passata a uno stadio cronico, che è irto della distruzione del fegato. Vale la pena notare che il virus viene trasmesso attraverso il sangue da una persona infetta, inoltre, alcune persone hanno una predisposizione genetica ad esso.

Falso positivo per l'epatite C nelle donne in gravidanza

Spesso il test mostra un risultato positivo, ma la donna non è portatrice del virus. Inoltre, durante il riesame, i risultati dell'analisi possono variare notevolmente. Ciò accade anche durante la donazione di sangue venoso in diversi laboratori. Ciò è dovuto all'uso di diversi kit diagnostici.

Risultati falsi positivi possono essere causati da:

  • Malattie autoimmuni;
  • Neoplasie;
  • Infezioni gravi;
  • Nelle donne in gravidanza, ciò è dovuto alle caratteristiche del sistema immunitario;
  • Dopo aver assunto immunosoppressori;
  • Ricerca di bassa qualità;
  • Errore dei tecnici di laboratorio;
  • Scambio casuale di campioni di esempio;
  • Preparazione errata dei campioni di sangue.

Si ritiene che i risultati falsi positivi possano essere innescati dal processo di gestazione. Durante il periodo di gravidanza, il plasma sanguigno di una donna è considerato più difficile da studiare, quindi è più difficile elaborarlo. Tali metamorfosi sono associate al processo gestazionale, quando si formano proteine ​​particolari della gravidanza, lo sfondo ormonale, la concentrazione e la composizione degli oligoelementi del sangue cambiano.

Come si manifesta l'epatite C nelle donne in gravidanza?sociale

I sintomi della malattia possono essere assenti o insignificanti. Spesso una persona potrebbe non notarli o attribuirli a un'altra patologia. Tuttavia, il virus richiede un trattamento, altrimenti porterà a cirrosi o cancro al fegato.

Con un'infezione primaria, può verificarsi debolezza e la salute generale peggiora, come con l'influenza. Va notato che i pazienti con epatite C raramente hanno ittero, che è la prova di un fallimento nel funzionamento del fegato. Quando la malattia diventa cronica, è ancora più difficile definirla sulla base dei soli sintomi.

I sintomi di solito sono i seguenti:

  • Affaticamento significativo;
  • Nausea;
  • Dolore muscolare;
  • Mal di fegato;
  • Depressione o ansia;
  • Deterioramento della concentrazione e della memoria.

Trattamento dell'epatite C durante la gravidanza

Durante questo periodo, è vietato assumere farmaci per combattere la malattia. Ciò è dovuto al fatto che i farmaci per il trattamento, ad esempio ribavirina e interferone, rappresentano un pericolo per il feto, possono provocare malformazioni.

Ovviamente, dovresti smettere di bere alcolici, poiché aumenta il rischio di sviluppare cirrosi e cancro, non fumare e condurre uno stile di vita sano, mangiare bene.

I pazienti devono essere protetti dagli effetti delle sostanze epatotossiche (alcool, vernici, pitture, prodotti di combustione, gas di scarico delle auto, ecc.). Inoltre, non puoi assumere farmaci antinfiammatori non steroidei, una serie di antibiotici e farmaci antiaritmici.

Attività fisica significativa, ipotermia e superlavoro sono controindicate. I pasti dovrebbero essere frazionari - fino a 6 volte al giorno in piccole porzioni. La dieta dovrebbe essere formulata tenendo conto delle vitamine e dei minerali necessari.

Le donne con una forma cronica dovrebbero essere sempre all'erta, poiché la patologia può acquisire un decorso grave in qualsiasi momento.

Coloro a cui viene diagnosticata l'epatite C acuta partoriscono in reparti speciali di malattie infettive. I pazienti con altre forme (non virali) possono partorire in un normale ospedale per la maternità.

Il metodo di consegna viene selezionato individualmente in ogni caso. Se non ci sono controindicazioni, è consentito il parto naturale, altrimenti - un taglio cesareo.

Le conseguenze dell'epatite C durante la gravidanza

Conseguenze dell'epatite C durante la gravidanza

Una donna infetta può avere un bambino prematuramente, essere leggera e potrebbe aver bisogno di cure speciali. Quando la malattia è associata a una donna incinta in sovrappeso, la probabilità di sviluppare il diabete gestazionale è alta.

Queste donne hanno bisogno di un'osservazione più attenta per determinare tempestivamente la possibile minaccia di aborto spontaneo e ipossia fetale. Ad alcuni vengono diagnosticati segni di colestasi.

La possibilità di trasmettere la malattia a un bambino durante la gravidanza o il parto è molto bassa. Secondo le statistiche, questo accade in 5 casi su 100. BeLa probabilità aumenta se la madre ha l'HIV o la concentrazione del virus nel sangue è molto alta.

Dopo la nascita, il bambino deve essere testato per la presenza della malattia. La presenza del virus nel sangue per 18 mesi dopo la nascita non è considerata un segno di epatite, poiché gli anticorpi sono di origine materna. Ma se la diagnosi è confermata, il bambino dovrà essere portato regolarmente dal medico per gli esami, donato sangue per i test, potrebbe essere necessaria un'ecografia.

Le conseguenze della malattia della madre non influiscono sull'allattamento al seno, poiché il virus non si trasmette attraverso il latte, ma c'è il rischio di infezione se i capezzoli sono danneggiati e il bambino ha ferite nella cavità orale.

Il test per la presenza di un virus in un bambino dovrebbe essere effettuato a 1, 3, 6 e 12 mesi. Quando compie un anno e mezzo e gli esami confermano la disintegrazione degli anticorpi materni acquisiti, allora possiamo sicuramente affermare che il bambino è sano.

Epatite cronica C e suoi effetti sulla gravidanza

Va ​​notato che il concepimento nella forma cronica è quasi impossibile. Ciò è dovuto al fatto che la patologia interrompe le funzioni mestruali e porta alla sterilità. Più grave è lo stadio, meno è probabile che il concepimento abbia successo.

Come sapete, la malattia colpisce il fegato, un organo che partecipa al metabolismo degli ormoni. Con il suo danno cronico, si verifica uno squilibrio nel rapporto degli ormoni sessuali, che porta all'assenza di ovulazione e alle normali mestruazioni.

Tuttavia, la concezione di successo non è esclusa. Ma nella maggior parte dei casi, la gravidanza si verifica solo dopo il trattamento dell'epatite C.Anche se si è verificato il concepimento, è necessario consultare un epatologo dopo un esame approfondito.

Pertanto, le donne con epatite cronica nel primo trimestre vengono mandate in ospedale, dove conducono ricerche. I principali metodi diagnostici sono di laboratorio e clinici, compilati sulla storia e sui reclami del paziente.

Vaccinazione contro l'epatite A e B durante la gravidanza

Sfortunatamente, il vaccino contro l'epatite C non è stato ancora sviluppato, ma è possibile la vaccinazione contro altre forme di A e B

Il virus dell'epatite A entra nel corpo attraverso cibo e acqua contaminati. Il vaccino è un virus ucciso, quindi teoricamente non ha alcun effetto sul feto, ma la ricerca in questo settore non è stata effettuata.

La necessità di vaccinazione sorge quando il rischio di infezione è elevato, ad esempio, quando si viaggia in una regione in cui questa forma è significativamente comune o in una situazione in cui vi è motivo di ritenere che il contatto con il virus sia già avvenuto. In questi casi, di solito dopo il vaccino, viene iniettata immunoglobulina normale (per aumentare l'immunità).

L'infezione da forma B si verifica attraverso strumenti medici e cosmetici non sterilizzati, ad esempio, quando si visita un dentista, manicure, piercing, tatuaggi, nonché attraverso il contatto domestico con sangue contaminato, rapporti sessuali.

Il vaccino contro questa malattia non contiene né vivo né interony virus, quindi, si ritiene che sia sicuro per il feto. Tuttavia, la vaccinazione è consigliata solo a coloro che sono a rischio, ad esempio qualcuno vicino alla donna incinta è infetto. Se esiste una minaccia di una malattia, oltre alla vaccinazione, si consiglia l'introduzione di immunoglobuline.

Una persona malata deve assolutamente conoscere e adottare misure per evitare di infettare altre persone. Ad esempio, usa articoli separati per l'igiene personale (rasoio, sapone, spazzolino da denti, salviette, ecc.).

È anche necessario mantenere la propria immunità, assicurarsi di abbandonare le cattive abitudini, non bere alcolici, poiché è una sorta di catalizzatore per la transizione della malattia alla cirrosi e al cancro.

Epatite B

Messaggio precedente Un acido nicotinico
Post successivo Kikkoman: introduzione alla tradizione