28 Rischi della FIV Meno Frequenti

Anestesia durante la gravidanza: rischi di complicanze

Ogni futura mamma si impegna a garantire che la sua gravidanza proceda senza intoppi. Sfortunatamente, a causa di vari fattori esterni e interni, sorgono patologie. A volte una situazione di emergenza richiede l'uso dell'anestesia, che aumenta i rischi negativi. L'anestesia è necessaria durante il trattamento dentale, durante l'intervento chirurgico, che deve essere eseguito immediatamente.

Quanto è sicura l'anestesia per un nascituro? Per quanto tempo è a maggior rischio? Quali farmaci vengono utilizzati per questo?

Contenuto dell'articolo

Quando è necessario alleviare il dolore ?

Anestesia durante la gravidanza: rischi di complicanze

L'anestesia locale o generale durante la gravidanza viene utilizzata in casi estremi. I medici, per quanto possibile, si astengono da qualsiasi farmaco e gli anestetici non fanno eccezione.

Se è possibile posticipare l'operazione a tempo indeterminato, ricorrono a tattiche in attesa, cioè aspettano che nasca il bambino.

Le seguenti situazioni sono eccezioni:

  • Insufficienza istmo-cervicale, quando è necessario posizionare suture di ritenzione sulla cervice;
  • Intervento chirurgico d'urgenza in caso di pericolo per la vita di una donna incinta. Di solito si tratta di operazioni per rimuovere appendicite, cistifellea, cisti ovariche, tumori al seno;
  • Trattamenti odontoiatrici durante la gravidanza, quando è necessaria l'anestesia per eliminare la pulpite, quando viene estratto un dente, ecc.

La frequenza di utilizzo degli anestetici è solo l'1-2% di tutte le gravidanze.

Potenziali rischi associati all'uso di anestetici

I mezzi di questo gruppo, come altri farmaci, possono influire negativamente sul corso della gravidanza. Allo stesso tempo, il pericolo esiste per tutti i suoi periodi.

Ciò è dovuto a diversi fattori:

  • La probabilità di un aumento del tono uterino è alta. Le contrazioni di un organo non entro il periodo prescritto portano a parto prematuro o aborto spontaneo;
  • È probabile in una donna l'asfissia e la morte del feto a causa dell'ipossia, che a sua volta può verificarsi durante l'anestesia;
  • Possibile teratogenicità: i farmaci utilizzati possono portare a disfunzioni del corpo del bambino nell'utero e gravi deformità.

Gli esperti considerano il periodo da 2 a 8 settimane di gravidanza il più pericolosoawn. È in questo momento che vengono deposti e formati tutti gli organi e i sistemi del nascituro. Non meno rischi elevati nell'ultimo trimestre. Questa volta è caratterizzata da un elevato carico fisiologico sul corpo femminile, inoltre, la probabilità di un parto prematuro è alta.

Se possibile, i medici posticipano le procedure chirurgiche fino al secondo trimestre (da 14 a 28 settimane) o aspettano che la donna partorisca. La metà della gravidanza non è stata scelta per caso: tutti gli organi e i sistemi sono già completamente formati nel bambino e l'utero praticamente non reagisce alle influenze esterne.

Se ci rivolgiamo alle statistiche, allora afferma che, in generale, l'anestesia durante la gravidanza in qualsiasi momento non è associata a grandi rischi. Ad esempio, la mortalità femminile non supera quella delle donne non gravide. C'è una probabilità del 6% di morte fetale con interventi nel 2 ° e 3 ° trimestre, 11% - fino a 8 settimane.

La probabilità di parto prematuro non supera l'8%. L'incidenza di anomalie dello sviluppo in un bambino con un singolo uso di anestetici è uguale a quella di coloro che non hanno subito tali manipolazioni.

Va ​​notato che i medici in ogni caso specifico scelgono le tattiche ottimali per alleviare il dolore. L'anestesista e il chirurgo, se necessario, valutano la complessità dell'evento, nonché i singoli fattori. Il compito principale dei medici è mantenere la gravidanza.

Trattamento dentista

Quando visitare il dentista:

  • Operazioni di trattamento della carie;
  • Chirurgia parodontale;
  • Installazione di un sistema di staffe;
  • Eliminazione dell'infiammazione nella cavità orale;
  • Estrazione del dente.

È meglio rimandare la protesi, l'implantologia e la rimozione del tartaro dentale per un po '. Se necessario, queste procedure possono essere eseguite nel periodo postpartum, in quanto non sono considerate urgenti.

Quali farmaci e tipi di antidolorifici vengono utilizzati dalla medicina moderna

Anestesia durante la gravidanza: rischi di complicanze

Gli studi hanno dimostrato che la stragrande maggioranza dei fondi ha un alto livello di sicurezza sia per la futura mamma che per suo figlio.

Inoltre, secondo i medici stessi, non è il farmaco stesso a svolgere un ruolo importante nello sviluppo di anomalie, ma la tecnica della procedura per l'anestesia. Ad esempio, nella fase iniziale, uno dei punti più importanti è prevenire una brusca diminuzione della pressione sanguigna e dei livelli di ossigeno nel sangue di una donna.

Per quanto riguarda i fondi stessi, la loro gamma ora è piuttosto ampia. Ad esempio, Promedol, Morfina, Glicopirolato, introdotti in dosi minime, non hanno alcun effetto sulla salute della madre e del bambino.

In combinazione con altri agenti e in piccola quantità, viene somministrata la Ketamina che, con un uso prolungato, provoca un aumento del tono dell'utero. In caso di anestesia locale, la lidocaina è appropriata. Attraversa la placenta, ma si ritira abbastanza rapidamentedal corpo del bambino.

Il diazepam e il protossido di azoto sono usati molto raramente, ma comunque. È noto che influenzano negativamente il bambino, specialmente nella fase iniziale - nel primo trimestre. Secondo alcuni esperti, anche una serie di analgesici topici contenenti adrenalina non sono raccomandati per le donne in gravidanza.

L'anestesia in odontoiatria durante la gravidanza comporta l'uso di tali farmaci, ad esempio l'ultracaina, che è ampiamente utilizzata nel campo dell'odontoiatria, appartiene a questi. Tali sostanze aumentano il rischio di un forte restringimento dei vasi sanguigni, che porta a una violazione dell'afflusso di sangue alla placenta.

L'anestesia locale ed epidurale (regionale) è riconosciuta come la più sicura in medicina. Tuttavia, ci sono momenti in cui il loro utilizzo è impossibile, ad esempio, in presenza di controindicazioni, nonché in situazioni chirurgiche difficili. Quindi usano l'anestesia multicomponente con ventilazione artificiale.

Dopo tale operazione, è necessaria la terapia tocolitica, il cui scopo principale è ridurre il tono dell'utero, per prevenire aborti spontanei o parto prematuro.

Conclusione

Anestesia durante la gravidanza: rischi di complicanze

Riassumendo, possiamo dire che qualsiasi tipo di sollievo dal dolore può influire negativamente sul nascituro, in particolare l'alta probabilità di danno nel primo trimestre di gravidanza. Pertanto, una donna deve sottoporsi a un esame approfondito in fase di pianificazione e i medici devono adottare tutte le misure possibili per eliminare le fonti croniche di infezioni esistenti.

Ad esempio, è necessario guarire completamente i denti cariati in modo che durante la gestazione non sia necessario ricorrere all'anestesia per trattare il problema.

Nel caso in cui una donna sia già incinta e sia necessario un intervento chirurgico, cercano di posticiparlo per una data successiva, per il secondo trimestre o per il periodo postpartum. Ciò è possibile solo se non è presente una sindrome da dolore acuto e nulla rappresenta una minaccia per la salute della donna incinta.

Inoltre, le donne che decidono di diventare madri dovrebbero monitorare attentamente le loro condizioni, aderire alle linee guida del medico e fare attenzione a tutto.

Cardiopatie e Gravidanza: come prevenire le complicanze

Messaggio precedente Cosa può dirci un intestino rumoroso sulla salute?
Post successivo Salsiccia bollita e di fegato a casa: gustosa, economica, sana